Miti della storia: Il Grande Yu controlla le acque

King Yu of Xia
King Yu of Xia

Fu intorno al 3.000 AC che una grande inondazione si abbatté sul Regno di Mezzo provocando piogge torrenziali che sommersero intere valli e colline. Col passare degli anni masse di persone rimasero senza casa e furono costrette a rifugiarsi sulle cime delle montagne.

Dopo essere stato esortato più volte dai suoi consiglieri, l'Imperatore designò a un lontano parente di nome Gun il compito di controllare il diluvio in corso. Gun trascorse nove anni a costruire dighe e argini per sbarrare le acque, ma i suoi sforzi furono inutili: il livello dell’acqua continuava a salire… pareva inarrestabile.

Durante questo periodo l'Imperatore, ormai anziano, scelse il suo successore: Shun. Dopo la salita al trono egli fece una ricognizione del suo regno e trovò Gun incapace di controllare il diluvio. Fu destituito e suo figlio Yu prese il suo posto.

Grande dedizione

Dopo che Yu ricevette questa importante missione cambiò completamente i metodi di suo padre. Viaggiò personalmente in tutto il paese con un gruppo selezionato di collaboratori per studiare la geografia, misurare l'elevazione e segnare i canali fluviali. Lavorò a fianco della gente comune per dragare i letti dei fiumi, che aprirono i corsi fluviali e permisero all’acqua di gettarsi in mare. Costruì anche un sistema di canali per fare in modo che le acque irrigassero i campi degli agricoltori.

Yu continuò tenacemente questo lavoro per tredici anni. Si diceva che fosse rimasto tanto a lungo nelle acque fangose che tutti i peli delle gambe erano spariti; lavorò così a lungo sotto il sole cocente che la sua pelle si colorò di un marrone scurissimo; spalò i canali di dragaggio talmente a lungo che le sue mani erano divenute terribilmente callose. Dopo tredici instancabili anni, l'alluvione che aveva turbato due generazioni venne controllata con successo.

La storia racconta anche che quando Yu lasciò casa per andare a compiere il suo lavoro era sposato da soli quattro giorni. Durante gli anni in cui viaggiò attraverso il paese, si ritrovò per tre volte nei pressi della sua casa, ma nonostante ciò neppure una volta permise a se stesso di vedere la famiglia per non creare rallentamenti al suo lavoro, nemmeno quando udì i lamenti di suo figlio appena nato.

La gente ebbe un rispetto profondo per Yu a cui diedero l'epiteto di “il Grande”. L'Imperatore Shun rimase talmente impressionato dal suo lavoro da decidere di cedergli il trono. Yu il Grande continuò a stabilire la regola dinastica fondando la prima dinastia della storia cinese: la dinastia Xia.

La Cina antica era una terra dove dei e mortali vivevano insieme e che ha creato una cultura d’ispirazione divina. Così accade che la storia e la mitologia antiche cinesi siano completamente intrecciate. La nostra nuova serie “Miti della storia” presenta i personaggi principali delle meravigliose leggende della Cina.

La leggenda del Contadino divino
La Dea della compassione: La Bodhisattva Guan Yin
Le quattro facce dello storico Imperatore Giallo
Il mito inizia
La Dea della compassione: La Bodhisattva Guan Yin
La leggenda sulla comparsa della musica