Il poeta Li Bai

Conosciuto come il “poeta immortale”, Li Bai (701–762) è spesso considerato il più grande poeta cinese di tutti i tempi. La sua è la personificazione della poesia classica della dinastia Tang (tang shi). Li Bai fu uno spirito ramingo, i suoi viaggi attraverso la Cina lo portarono a conoscere taoisti, letterati e alti funzionari, i quali avevano per lui un'alta ammirazione.

Oltre a essere uno scrittore prolifico e uno studente taoista, Li Bai (scritto anche Li Bo o Li Po) è famoso per il fatto che molta della sua ispirazione poetica arrivasse dopo aver bevuto. Du Fu, poeta cinese a lui contemporaneo, scrisse di Li Bai nella sua poesia Canto degli otto immortali che bevono:

Li Bai, sfidando gli altri a bere, crea cento versi,

Dormendo nelle osterie di Chang-an,

Anche se l'Imperatore lo chiama a bordo della nave non si sente obbligato,

Definendosi il grande immortale del vino.

In alcune occasioni, comunque, l'abitudine di bere di Li Bai gli si rivoltò contro. Durante il regno Tang dell'Imperatore Xuanzong, Li Bai ricevette l'onore di svolgere il ruolo di erudito di corte. Ma una volta, dopo aver bevuto, insultò duramente uno degli eunuchi preferiti dell'Imperatore. Ben presto l'eunuco trovò l'opportunità di diffamare Li Bai davanti all'Imperatore, inducendolo all'allontanamento dal palazzo.

Alcuni anni dopo, un amico di Li Bai ricevette un incarico prestigioso e fu in grado di sistemare le cose per far tornare il poeta al servizio dell'Imperatore. Ma ancora una volta la fortuna voltò le spalle a Li Bai, quando un suo conoscente si rivoltò al sovrano, con il risultato che tutti coloro che lavoravano sotto di lui, incluso Li Bai, vennero allontanati dalla capitale.

Poco dopo, un altro conoscente di Li Bai, che lavorava per l'Imperatore, riuscì a togliere il poeta dall'esilio. Fu da allora che Li Bai scrisse alcune delle strofe più famose della poesia cinese:

All'alba lasciai la bianca città del Re con bagliori nelle nuvole,

Il viaggio di diecimila miglia per Jiang Ling, compiuto in un solo giorno,

Su entrambe le sponde le grida dei gibboni è senza pausa,

Mentre la mia leggera barca sfiora migliaia di dirupi.

Secondo i dati storici, Li Bai concluse la sua vita nella città di Xuan, morendo “dal troppo bere”. Ci ha lasciato venti volumi di opere e circa 900 poemi. La popolarità del lavoro di Li Bai continua ad avere un ruolo principale nella poesia cinese di oggi e alcuni soprannomi immortalano la sua eredità: “L'immortale del vino”, “Il poeta trascendente”, “L'immortale esiliato dal Cielo” e “Il poeta cavaliere errante”.

Il monaco Ji Gong
Le grotte di Mogao a Dunhuang
La dinastia Tang