Il mito inizia

Pan Gu

Tanto, tanto tempo fa, non in una terra prima del tempo, ma in un tempo prima della terra, non c'era nulla nell'universo tranne un'entità enorme a forma di uovo.

All'interno del "uovo", le forze opposte di yin e yang erano criptate… era un disastro completo. Nel corso del tempo, le interazioni tra le varie sostanze e l’energia hanno prodotto un essere irsuto, gigante con delle corna, chiamato Pan Gu.

Per 18.000 anni, Pan Gu (pan goo) dormì crescendo ma un giorno, improvvisamente si svegliò. Aprendo gli occhi non vide che l’oscurità. Tese le orecchie, ma l’unica cosa che riuscì a sentire fu un silenzio snervante. Pan Gu percepiva il suo ambiente in modo tetro ed era preoccupato.

L'uovo singolare

Agitandosi, Pan Gu fece apparire un'ascia magica che si abbattè sull’uovo con un potente colpo. L'uovo, con una fragorosa crepa, si divise in due. Lentamente, yin e yang cominciarono a separarsi. Tutto il buio pesante si lasciò cadere per formare la Terra mentre la luce e il chiaro, alla deriva, formarono i cieli.

Pan Gu era in ansia perché le due metà si sarebbero chiuse di nuovo; così si dispose tra le due parti per tenerle separate. Ogni giorno che passava, il cielo si elevava di dieci piedi sopra di lui e la Terra si ispessiva di dieci piedi sotto; Pan Gu stesso cresceva di dieci piedi solo per tenere il passo con la crescente distesa, aspettando.

Fu un lavoro solitario e faticoso che durò altri sei milioni cinquecento settantamila giorni, o altri 18.000 anni, fino a quando si accertò che i regni si erano finalmente stabilizzati. Poi, con un grande schianto, Pan Gu si sdraiò e morì.

Un ultimo sacrificio

Dopo il crollato dello stanco Pan Gu, una trasformazione miracolosa ebbe luogo: il suo ultimo respiro si trasformò in vento e nuvole; la sua voce in un tuono rombante; il suo occhio sinistro divampò nel sole e l'occhio destro brillò nella luna; i capelli e la barba diventarono le stelle della Via Lattea; le membra, le mani e i piedi si trasformarono in grandi montagne e il sangue che gli scorreva nelle vene, in fiumi; la sua carne trasformata in fertili terreni agricoli e le sue ossa a pietre preziose e minerali; i denti e le unghie diventarono metalli lucenti; i peli della pelle fiorirono in una vegetazione lussureggiante e il sudore dalle sue immani fatiche caddero come l'acqua piovana per il mondo mortale.

Alcuni dicono che lo spirito di Pan Gu non si è estinto ma trasformato negli esseri umani, il che coincide con l'antica credenza cinese che gli esseri umani sono l'anima di tutta la materia.

Pan Gu sacrificò la sua vita e il suo corpo per creare il mondo e per arricchirlo e abbellirlo. Ora i cieli splendono di corpi celesti luminosi, la Terra è sagomata da grandi montagne e fiumi, la flora e la fauna esistono in abbondanza. Pan Gu, il gigante-dio, venuto fuori da un uovo, non è da nessuna parte, ma può essere trovato ovunque nel mondo.

La Cina antica era una terra dove Dei e mortali vivevano in armonia, creando una cultura d'ispirazione divina. Così la storia cinese precoce e la mitologia sono completamente intrecciate. La nostra nuova serie "Mythistory" presenta i personaggi principali delle meravigliose leggende della Cina.

Storia di un mito: La leggenda del Coniglio di Giada
La storia mitologica del Re Drago
La storia mitologica del Re Drago
Ne Zha – Il ragazzo più insolito della mitologia cinese